sabato 16 giugno 2018

Il MISTERO Delle PIRAMIDI ITALIANE

Scoperte Nel 2001, Custodiscono Segreti Ancora Da Svelare

Nel Rovagnate (LC) esiste una zona su cui gli studiosi investigano dal 2001. In quell'anno, durante una perlustrazione aerea, l'architetto Vincenzo di Gregorio ha notato la strana forma che avevano le colline sottostanti. A ben guardare i tre cumuli di terra hanno mostravano una struttura di piramidi a gradoni che non può essere il risultato di processi naturali. Ma chi ha costruito queste piramidi? E, soprattutto, perché? Le prime risposte a questi quesiti spiegano parte del mistero ma, al tempo stesso, lo infittiscono...


Le piramidi fotografate nel Parco regionale di Montevecchia


Trattandosi di un terreno non adatto alla coltivazione, gli studiosi hanno decretato che il motivo della loro costruzione era di tipo religioso-astronomico.

La datazione esatta di queste colline non è ancora nota. Si sa, però, della presenza di popolazioni celtiche nel nord d'Italia a partire dal IV secolo a.C.


L'immediato collegamento con queste tribù dipende dal fatto che esse usavano costruire i loro luoghi di culto proprio sulle cime delle colline.

Le curiosità sulle piramidi italiane, però, non finiscono qui: le tre colline di Montevecchia appaiono allineate secondo una disposizione che ricorda molto quelle di Giza!

La somiglianza dell'orientamento astronomico con le famose piramidi egiziane infittisce il mistero su cui ci s'interroga da anni: com'è possibile che culture così distanti fra loro (Africa, America Centrale ed Europa) abbiano realizzato strutture tanto simili?




POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Piramidi Perdute in Bosnia e Piramidi nel Mondo
Piramidi Perdute in Bosnia e Piramidi nel Mondo
La storia antica è falsa: le origini dell’uomo e delle civiltà sono da riscrivere
Sam Osmanagich


Piramidi nel Mondo
Piramidi nel Mondo

Sabrina Stoppa


Da Stonehenge alle Piramidi
Da Stonehenge alle Piramidi
Le meraviglie dell'archeoastronomia - Specchio della scienza
Giulio Magli





Nessun commento:

Posta un commento