giovedì 8 ottobre 2015

LE REGOLE DEL GIOCO: La Missione dell'Anima e dell'incarnazione

Quando cominciamo a “risvegliarci”, ci facciamo mille domande. Le risposte a queste domande possono essere tante, possono darci un po’ fastidio e talvolta anche farci paura. Cominciamo a sentir parlare di missione nella vita, di anima, di reincarnazione… A questo si aggiungono i segni che dovremmo ricevere, i messaggi delle nostre guide e le sincronicità che dovremmo vivere… In breve, eccoci messi di fronte ad un universo e ad un vocabolario il cui senso a volte ci sfugge. Ecco perché ho sentito il desiderio di scrivere qualcosa su questo argomento, cercando di chiarire le idee (sempre se ne avete bisogno beninteso!)
Bene, cominciamo dall’inizio: noi siamo un’anima in un corpo fisico. La nostra anima è immateriale, mentre il nostro corpo è più che mai materiale. Il corpo è quel “veicolo terrestre” che permette all’anima di trascorrere il suo soggiorno sulla Terra, nella materia. Quindi possiamo dire che la nostra anima è nel nostro corpo e che si è incarnata sulla Terra grazie a e per mezzo di questo corpo. Questo è ciò che viene chiamato “incarnazione”: quando l’anima prende a prestito un corpo fisico per vivere un periodo di tempo sulla Terra.

Già qui possiamo fare una prima considerazione: se il nostro corpo è composto di materia, è logico che questa prima o poi arrivi a degradarsi e quindi a morire. E se la nostra anima è immateriale, è altrettanto logico che essa non muore. Mai. E’ eterna. Forte, no?!
Così, una volta che l’anima ha concluso il suo passaggio sulla Terra, torna ad essere una “scintilla”, un “soffio di vita” in altri luoghi diversi dalla Terra. Torna da dove è venuta e prosegue il suo cammino. Si reincarna oppure no, a seconda del suo “avanzamento”. Ma vediamo ora più da vicino il cammino che l’anima intraprende sulla Terra.

La Missione dell’Anima

L’anima viene per sperimentare la materia. Questo significa che viene per vivere delle esperienze materiali per mezzo del corpo fisico. Queste esperienze non possono essere vissute che nella materia, ecco perché sulla Terra. Le esperienze sono numerose e varie: capire l’amore, provare la violenza, lo smarrimento, la tristezza, cosa significa competizione, disonore, sofferenza, dolore, ma anche gioia, successo, ecc… Queste sensazioni, queste emozioni, questi sentimenti, sono propri della “terza dimensione”, quella che noi viviamo sulla Terra.
Ma soprattutto, attraverso le sue esperienze l’anima viene per incarnare la luce, la SUA luce. 
Questa è la GRANDE MISSIONE della nostra anima: accendere la sua piccola luce lungo il suo passaggio, in ogni progetto iniziato, in ogni oggetto creato, in ogni relazione vissuta. Questo le permette di diventare essa stessa più luminosa. Quindi noi siamo delle scintille venute a sperimentare la materia, ad accendere delle luci lungo tutto il nostro passaggio terrestre, in modo da illuminare ancora di più.
Chi è che sceglie le esperienze materiali?
Ora andiamo a vedere nel dettaglio l’organizzazione delle cose. Dato che veniamo qui per vivere le più variegate esperienze, pare logico che alcune non siano proprio supersimpatiche. Ecco che affiora la grande domanda: «…ma perché sono venuto a vivere questo? Chi me l’ha fatto fare?». Ebbene la risposta è molto semplice: voi! Voi e nessun’altro che voi, o piuttosto la vostra anima, per essere più precisi. Infatti, prima di incarnarsi l’anima ha stabilito un “piano di volo”, ha definito il suo “percorso di incarnazione” se così preferite, e su questo percorso ha previsto diverse tappe inevitabili. Sono le famose “prove” che tutti attraversiamo prima o dopo nella vita.
Riassumendo: esiste una missione comune ad ogni anima che è quella di incarnare la luce, e per riuscirci l’anima viene a vivere delle esperienze personali, esperienze che lei stessa ha deciso di vivere prima di “scendere” sulla Terra. Se facciamo l’analogia con i GPS delle nostre auto, c’è una meta comune ad ogni anima (incarnare la luce, “mettere” della luce) e delle tappe intermedie individuali (le nostre missioni personali, le nostre prove, ecc.), e dato che tutte le strade portano a Roma, stiamo andando tutti nella stessa direzione.
Perciò siete voi stessi ad avere deciso di vivere ad es. una disabilità, la violenza all’interno della coppia, di avere sei figli, di non averne affatto, siete voi ad avere deciso di vivere in solitudine o al contrario in un nucleo familiare soffocante, ecc. Ecco perché una volta che capiamo tutto questo, è difficile provare ancora risentimento verso gli altri o giudicarli. Ognuno vive le sue esperienze, ecco tutto!

I grandi incontri non sono frutto del caso

Chiaramente abbiamo bisogno dell’interazione con altre anime incarnate per vivere le nostre esperienze fino in fondo. Infatti se decidiamo di vivere la violenza all’interno della coppia, possiamo farlo solo se l’anima del partner è in accordo con questo “progetto”; così come l’avere sei figli dipende dal fatto che sei anime decidano di venire ad incarnarsi nella vostra famiglia.
Questo è il motivo per cui non incontriamo qualcuno per caso. Naturalmente sto parlando degli incontri importanti della nostra vita. I nostri genitori corrispondono a ciò che volevamo sperimentare da bambini, poi ci sono i nostri partner, i nostri figli, i nostri amici intimi, un aggressore che ci ferisce, una bella anima che ci indica la strada… Tutti questi incontri sono stati decisi e “concordati” prima della nostra incarnazione. Ecco perché è giusto ringraziare tutti i nostri compagni di viaggio – anche se non sempre quello che viviamo accanto a loro è tutto rose e fiori – perché essi hanno accettato di aiutarci nella nostra missione, a volte recitando il ruolo del “cattivo”.
Il velo dell’oblio
Affrontiamo adesso una questione delicata: sono molto belli tutti questi discorsi, ma io non ne conservo nessun ricordo! Perché? Perché non possiamo semplicemente ricordarci di ciò che abbiamo deciso? Perché subiamo il “velo dell’oblio”?
Principalmente perché ricordarci delle nostre vite precedenti sarebbe inutile e creerebbe turbamento, potrebbe “guastare” completamente la nostra attuale vita. Facciamo un esempio: supponete che in una vita precedente abbiate deciso di sperimentare l’omicidio e che abbiate compiuto un assassinio. Supponete che ora vi ricordiate di tutto nei minimi dettagli… Difficilmente riuscireste a proseguire serenamente questa vita e a compiere la vostra luminosa missione, perché sareste condizionati da mille rimorsi…
Ecco perché quando ci incarniamo viene effettuato un “reset”: ripartiamo da zero, completamente distaccati da tutto quello che abbiamo vissuto prima e da quello che abbiamo previsto di venire a sperimentare.
Le nostre guide
Ma per essere certi di andare nella direzione giusta, non siamo soli. Abbiamo un “team”, una squadra per noi. Noi li chiamiamo gli angeli, gli angeli custodi, le guide… A volte sono dei conoscenti deceduti, a volte degli esseri che non conosciamo. Essi sanno tutto ciò che ci siamo programmati. Ci aiutano ad avanzare verso la missione che dobbiamo compiere.
Questo è il motivo per cui talvolta anche se ce la mettete tutta per fare una cosa che desiderate tanto, questa non si realizza, va tutto storto, c’è qualcosa che blocca… semplicemente perché non avevate previsto di sperimentare quella cosa, e soprattutto vi state allontanando da ciò che invece avete programmato di vivere.
Le guide utilizzano una enormità di stratagemmi per metterci nella direzione giusta: ci mandano dei segni, ci fanno vivere delle sincronicità, ci fanno arrivare dei messaggi. I segni e i messaggi possono assumere forme diverse: le parole di una canzone, una pubblicità che “cade” sotto i nostri occhi, oppure vedere la forma di un cuore ovunque ci capiti di posare gli occhi, come se volesse farci capire che siamo sulla strada giusta, o ancora un incontro con qualcuno che dice una frase che ci colpisce…, questo può anche voler dire mettere sulla nostra strada una certa persona che ci consentirà di aprire una porta che avremmo dovuto aprire già da tanto…
Una sincronicità avviene quando viviamo un’esperienza, incontriamo una persona, ci capita tra le mani un certo libro… proprio nel momento in cui ci poniamo una domanda alla quale la sincronicità vuole rispondere (potrebbe essere anche la lettura di questo articolo ;) ).
Facciamo un esempio: vi state chiedendo se dovete mettervi in proprio come veterinario. Voi “inviate” la domanda all’Universo. Ed ecco che nei giorni che seguono trovate nella cassetta della posta dei depliant pubblicitari per veterinari o di articoli per animali; accendete la televisione e sistematicamente trasmettono degli spot di cibo per animali; incontrate vostra cugina Berta che vi racconta quanto sia dura per lei fare 50 km per portare il suo cagnolino dal veterinario e quanto sarebbe bello se ce ne fosse uno lì in zona (proprio dove pensavate di aprire lo studio). Così, le nostre guide hanno tutto un arsenale di possibilità per aiutarci. Spetta a noi tenere occhi e orecchi aperti.
Prendere la buona strada
Quindi, come abbiamo visto, l’Universo fa di tutto per metterci sulla “buona strada”, cioè la strada che abbiamo deciso di percorrere. Ma cosa succede se ce ne allontaniamo e non capiamo i messaggi? Ebbene, a volte possono farvi vivere delle cose un po’ “brutali”; ad esempio un incidente stradale che vi costringa a rimanere immobilizzati per mesi, permettendovi così di mettere su carta quel progetto che avevate in testa da anni (e che infatti era il vostro GRANDE PROGETTO NELLA VITA). Oppure sarà fatto in modo che voi non partiate come previsto per l’altra parte del mondo, perché la vostra missione si deve compiere lì dove vi trovate: ecco allora il volo annullato, il treno perso, i bagagli smarriti… in pratica tutto ciò che può complicarvi il viaggio.
Farò un esempio personale. Fino a pochi anni fa non credevo in niente. Di fatto mi ero completamente distaccato dalle mie percezioni verso i 6 o 7 anni, come fa la maggior parte dei bambini. Ma ecco che la mia missione nella vita (me ne sono resa conto da poco tempo) è scrivere e condividere, in modo che gli altri capiscano quello che avviene dall’altra parte del velo, quello che sentono, cosa fanno su questa Terra. Ma sarebbe stato impossibile se fossi rimasto chiusa com’ero… Allora mi hanno giocato un bel tiro. Mi hanno messo sulla strada la mia attuale compagna. Del resto quando l’ho incontrata la prima volta mi sono detto “ah finalmente, eccola qui”, come se lo conoscessi già, o piuttosto come se la riconoscessi.
Libero arbitrio
Non tutti vivono delle “rimesse in carreggiata” così brusche. E bisogna sapere che anche se vivete degli avvenimenti di questo tipo, se non volete andare là dove vi spingono ad andare, non c’è problema! E’ quello che viene chiamato libero arbitrio. E le vostre guide lo rispetteranno. E’ così che alcuni vivranno la loro incarnazione senza mai percorrere il loro cammino nella vita. Le vostre guide vi mostreranno la via più semplice per vivere le esperienze programmate, ma sta a voi accettare di seguirla.
La missione dell’anima o le regole del gioco dell’incarnazione
Così, come abbiamo visto, la vita può essere paragonata ad un grande palcoscenico teatrale. Ognuno ha il suo ruolo, in interazione con i suoi compagni di viaggio. Ognuno vive le sue personali esperienze e segue la strada che ha deciso prima di incarnarsi. Ma ognuno può anche scegliere. Non siamo soli in questa grande impresa. Le nostre guide, i nostri angeli, sono presenti tutto il tempo per aiutarci. Penso che il fatto di sapere tutte queste cose ci permetta di sdrammatizzare tutto ciò che viviamo… e a quanto pare ci trovano molto coraggiosi, noi, gli “incarnati”, per venire a vivere tutto questo!
FONTI:
Il Corpo Causale Voto medio su 2 recensioni: Da non perdere
Reincarnazione
Reincarnazione
Karma e Reincarnazione Voto medio su 1 recensioni: Buono

4 commenti:

  1. nella parte il velo dell'oblio credo vi siano state scritte delle inesattezze, chiaramente a mio parere, che non sono portatore di verità assolute.Dovremo comunque affrontare il karma delle nostre azioni passate, quindi prima o poi questo avverrà, e quando succederà per quanto sia doloroso servirà per farci evolveree crescere. Come potremo essere completamente distaccati se abbiamo deciso di venire per riparare agli errori passati ? Non partiremo mai da zero, visto che la nostra anima non dimentica mai le esperienze vissute che le hanno permesso di crescere.Ricordare nel momento giusto al posto giusto è importantissimo.Su questo pianeta universitario non vi è nulla di facile, ma la vita ci farà fare e sperimentare solo ciò che è alla nostra portata.

    RispondiElimina
  2. Prendere la buona strada, non sono molto daccordo sul fatto che l'universo faccia di tutto x metterci sulla strada giusta, sono più convinto che l'universo non si intromette nelle esperienze che abbiamo deciso di fare, ma se vede che siamo convinti ci darà le giuste esperienze per crescere, nel momento in cui rinunceremo sarà rispettato il nostro libero arbitrio, naturalmente queste esperienze non saranno cancellate , ma aggiunte alle prossime.Nel tuo personale esempio,eri chiusa in te stessa o la tua anima aspettava il momento giusto per riprendere un filo lasciato in passato? e in quel momento aveva fatto quelle esperienze utili che l'avrebbero poi aiutata a ricominciare?le persone importanti della nostra vita non sono mai casuali a parte per alcuni di noi in casi rari.

    RispondiElimina
  3. i grandi incontri non sono frutto del caso, hai fatto 2 esempi banali e incompleti.Quale è l'accordo di base fra due anime che hanno deciso di venire ha fare l'esperienza della violenza?Vi è un alternativa? A livello di anima i figli appartengono a entrambi i genitori?

    RispondiElimina
  4. Incarnazione, l'anima non prende a prestito nessun corpo fisico, le viene assegnato un corpo adtto alle esperienze che viene ha fare sulla terra.Vorrei che tu mi spiegassi quante vite viviamo su questa terra,? quante esperienze in una vita?su quali pianeti andremo e quando? Ringrazio antiipatamente per le rispste che vorrai darmi.

    RispondiElimina