sabato 3 ottobre 2015

PIN-OCCHIO! INCREDIBILE LIBRO INIZIATICO

E' curioso che il nome stesso di Pinocchio sia composto da Pino e da Occhio.



Pubblicato nel 1940, Pinocchio è un classico Disney sempre apprezzato dai bambini e dagli adulti di tutto il mondo. Tuttavia, la storia di questo burattino di legno nasconde una grande allegoria spirituale basata sugli insegnamenti esoterici, di cui ovviamente poco si parla. Prenderemo in esame le origini di questa avventura animata e il suo significato di fondo.

Il Pino ha come frutto la Pigna che richiama, inevitabilmente, la ghiandola Pineale che, guarda caso, è in corrispondenza del terzo Occhio.
Pin-occhio era un iniziato che sviluppando se stesso e la sua ghiandola si è trasformato attraverso la sua sostanza animica in un Uomo realizzato. 

Inutile dire che questo film è ora una pietra miliare nella cultura popolare di oggi. Quante persone hanno visto questo film? D’altra parte, quante persone sono consapevoli del vero significato di fondo di Pinocchio? Dietro la storia del burattino che cerca di diventare un bravo ragazzo vi è una storia spirituale profonda che affonda le sue radici nelle scuole di Mistero e di occultismo. Attraverso gli occhi di un iniziato, la storia che il burattino doveva essere buono, ripreso spesso con prediche sul “non mentire” diventa per l’uomo la ricerca dell’illuminazione e della saggezza. I commenti brutalmente onesti sul contesto sociale di Pinocchio è una raffigurazione cupa del nostro mondo moderno e prescrive, forse, un modo per sfuggire alle sue trappole. Attraverso il background dell’autore e i riferimenti letterari, si può comprendere il significato nascosto gnostico di Pinocchio.

La sua storia può essere paragonata a quella dell'uomo:
Pinocchio viene creato dal legno, quindi dai quattro elementi.
Lui stesso, dalla sua nascita, ha un solo desiderio: non essere più un burattino di legno, ma diventare un bambino in carne ed ossa. Un Uomo vero.
In effetti il burattino è l'emblema della passività, di colui, cioè, che è manovrato da qualcun altro, di colui che non è attivo nella Vita, ma che dipende dagli eventi che tirano i suoi fili.
La Fata, la sua Anima, interviene spesso per tirarlo fuori dai guai e, con l'aiuto di una bacchetta (anch'essa di legno) lo trasforma alla fine in un bambino, l' Uomo vero.
Ritorna qui, come per incanto, il collegamento al mito di Osiride.
Pinocchio viene inghiottito da una balena, come il fallo di Osiride venne inghiottito dal pesce del Nilo.
Una donna, la Fata, come Iside, interviene con una bacchetta di legno (fallo) per generare un Uomo nuovo, Horus o il Pinocchio-bambino. Ma proseguiamo con ordine.

LE ORIGINI DI PINOCCHIO
Carlo Collodi
Pinocchio è stato originariamente scritto da Carlo Lorenzini (conosciuto con lo pseudonimo di Carlo Collodi), tra il 1881 e il 1883 in Italia. Lorenzini inizia la sua carriera scrivendo sui giornali (Il Lampione e Il Fanfulla), dove ha spesso usato la satira per esprimere le sue opinioni politiche. Nel 1875, entrò nel mondo della letteratura per bambini e ha usato questo veicolo per trasmettere le sue convinzioni politiche. La serie di Giannettino, per esempio, spesso si riferisce all’unificazione d’Italia.
“Lorenzini fu affascinato dall’idea di utilizzare un personaggio amabile, briccone come mezzo per esprimere le proprie convinzioni attraverso l’ allegoria. Nel 1880 iniziò a scrivere “La Storia di un burattino”, chiamata anche “Le Avventure di Pinocchio”, che è stata pubblicata settimanalmente su Il Giornale dei Bambini (il primo giornale italiano per i bambini). “

Le Avventure di Pinocchio, sono una favola che descrive le avventure di un burattino testardo nel suo percorso per diventare un bambino vero, è stata pubblicata nel 1883.
Il lavoro di Collodi non era meramente politico. I suoi scritti, in particolare per Le Avventure di Pinocchio contenevano una grande quantità di aspetti metafisici, che sono spesso trascurati dai lettori moderni. Un fatto importante, necessario per capire appieno la profondità del lavoro di  Collodi è che era un massone attivo. In un saggio intitolato “Pinocchio, Mio Fratello” il massone italiano Giovanni Malevolti descrive il contesto massonico di Collodi:
“L’Iniziazione di Carlo Collodi nella massoneria, anche se non può essere trovata in nessuno dei documenti ufficiali, è universalmente riconosciuta e spesso definita. Aldo Mola, un non-muratore che è generalmente definito come storico ufficiale della Massoneria, ha espresso con certezza, la grande apertura dello scrittore alla famiglia massonica. Eventi della vita di Collodi sembrano confermare ulteriormente questa tesi: la creazione nel 1848 di un documento chiamato “Il Lampione” (The Beacon), che, come ha affermato Lorenzini, “Ha illuminato tutti coloro che erano in bilico nelle tenebre”, ha anche considerato se stesso un “appassionato discepolo di Mazzini” (un massone e rivoluzionario di primo piano in Italia). ”
Collodi si trova citato anche in documenti pubblicati dalla Gran Loggia Inglese.
Malevolti continua:
“Ci sono due modi per leggere” Le avventure di Pinocchio “. La prima è quella che chiamerei “profana” in cui il lettore, molto probabilmente un bambino, impara a conoscere le disavventure del burattino di legno. Il secondo è una lettura da un punto di vista massonico, in cui il forte simbolismo sarà ben chiaro, senza mai sostituire, la narrazione semplice e lineare degli eventi “.
– Giovanni Malevolti, Pinocchio, Mio Fratello (traduzione libera)
Collodi ha scritto Pinocchio in seguito alla lunga tradizione di testi mistici: una storia con una narrazione semplice che può essere goduta da parte delle masse con un significato nascosto riservato solo a coloro “che sanno”.
ANALISI DEL FILM
Ci sono molte differenze tra il libro di Collodi e il film Disney. La trama è stata semplificata e Pinocchio è diventato un innocente, di carattere Felice e attivo piuttosto che il disadattato testardo e ingrato dal libro originale. Tutti gli elementi fondamentali sono però ancora presenti nel film e il messaggio di fondo rimane intatto.
LA CREAZIONE
Il film inizia con Geppetto, un intagliatore italiano, che trasforma un pezzo di legno in una marionetta. Egli dà al burattino caratteristiche simili agli umani, ma rimane un burattino senza vita. Geppetto è, in qualche modo, il Demiurgo di Platone e degli gnostici. La parola “Demiurgo” è letteralmente tradotta dal greco come “creatore o artigiano.” In termini filosofici, il Demiurgo è il “dio minore” del mondo fisico, l’entità che crea esseri imperfetti che sono soggetti alla degradazione della vita materiale. La casa di Geppetto è piena di orologi costruiti da lui, che, come forse già sapete, vengono utilizzati per misurare il tempo, uno dei grandi limiti del piano fisico.
Geppetto ha creato una marionetta di grande impatto visivo, ma si rende conto che ha bisogno dell’aiuto del “Grande Dio” per dare la scintilla divina necessaria a farlo diventare un “bambino reale” o, in termini esoterici, un uomo illuminato. Allora cosa fa? Egli “esprime un desiderio”. Egli chiede al Dio Grande (il Grande Architetto dei massoni) di infondere in Pinocchio una parte della sua essenza divina.
Potrebbe essere Sirio questa stella,tanto cara alla massoneria?
La “Fata turchese”, è la rappresentante del Grande Dio, che scende sulla terra per dare a Pinocchio una scintilla della Mente Universale, il “Nous” degli gnostici.
“E ‘stato affermato dai cristiani gnostici che la redenzione dell’umanità è stata assicurata attraverso la discesa del Nous (Mente Universale), che era un grande essere spirituale superiore al Demiurgo e che, entrando nella costituzione dell’uomo, ha conferito l’immortalità cosciente alle invenzioni del demiurgo “.
– Ibid.
La fata di Pinocchio conferisce lui il dono della vita e del libero arbitrio. Anche se è vivo, non è un ancora un “bambino vero”. Le scuole del mistero insegnano che la vita vera inizia solo dopo l’illuminazione. Tutto ciò che vi è prima dell’illuminazione non è altro che un lento decadimento. Quando Pinocchio chiede “Sono un ragazzo vero?”, La Fata risponde: “No, Pinocchio. Dipenderà da te che il desiderio di Geppetto si avveri, devi metterti alla prova nella vita tu stesso e un giorno diventerai un bambino a tutti gli effetti.
Questo tema di autonomia e auto-miglioramento è fortemente ispirato agli insegnamenti gnostici/massonici: la salvezza spirituale è qualcosa che deve essere meritata attraverso l’auto-disciplina, conoscenza di sé e forza di volontà. Massoni simboleggiare questo processo con l’allegoria dell’Ashlar mascalzone e dell’Ashlar perfetto.
“‘In Massoneria speculativa, l’Ashlar mascalzone era un allegoria dei massoni non iniziati prima della scoperta dell’illuminazione. Un Ashlar perfetto è una allegoria per un massone che, attraverso l’istruzione massonica, si adopera per ottenere una vita onesta e si sforza di ottenere l’illuminazione. La lezione da trarre è che con l’educazione e l’acquisizione della conoscenza, un uomo  migliora lo stato del suo essere spirituale e morale. Come l’uomo, ogni Ashlar mascalzone inizia come una pietra imperfetta. Con l’istruzione, la cura e l’amore fraterno, l’uomo è modellato in un essere che è stato messo alla prova dalla “squadra” della virtù e circondato dal “compasso” delle sue frontiere, donataci dal nostro Creatore “.
Allo stesso modo i massoni rappresentano il processo di illuminazione con la trasformazione di una pietra grezza in una di ottima fattura, Pinocchio inizia il suo viaggio come uno pezzo grezzo di legno e cercherà di smussare i suoi bordi per diventare finalmente un bambino vero. Nulla gli è regalato. Un processo interno-alchemico deve avvenire dentro di lui in modo da essere degno di ricevere l’ illuminazione. Egli deve passare attraverso la vita, la sua lotta contro le tentazioni, e, usando la sua coscienza (impersonata da Grillo Parlante), trovare la strada giusta. Il primo passo è quello di andare a scuola (che simboleggia la conoscenza). Dopo di che, le tentazioni della vita rapidamente si presentano nel  percorso di Pinocchio.
LA TENTAZIONE DELLA FAMA E DELLA FORTUNA
Sulla strada per la scuola, Pinocchio viene fermato dal gatto e dalla volpe che li indicano la “comoda strada del successo”: lo spettacolo. Nonostante gli avvertimenti della sua coscienza, la marionetta segue i personaggi in ombra e viene venduto a Stromboli, il belligerante promotore dello spettacolo di burattini.
Durante la sua performance, Pinocchio conosce i meccanismi  del sistema della “strada facile”: fama, fortuna e anche donne burattino.
Pinocchio però apprende rapidamente i  grandi costi di questo apparente successo: non può tornare a vedere suo padre (il Creatore), il denaro che genera è utilizzato solo per arricchire Stromboli, il suo “gestore”, e vede ciò lo attenderà quando sarà cresciuto, cioè l’essere considerato uno scarto.
Una rappresentazione piuttosto cupa dello spettacolo, non è vero? Egli in fondo non è altro che un burattino. Dopo aver visto la vera natura della “strada facile”, Pinocchio si rende conto del triste stato in cui si trovi: è in gabbia come un animale e in balia di un burattinaio crudele. E ‘stato ingannato e ha messo in vendita la sua anima.
Pinocchio riguadagna poi  la sua coscienza (Grillo Parlante), e cerca di scappare. Tutte le buone coscienze del mondo però non possono salvarlo visto che è chiuso in una gabbia con un lucchetto. Niente di meno di un intervento divino è necessario per salvarlo, ma non prima che si mostri sincero alla Fata (il messaggero divino) e, soprattutto, a se stesso.
LE TENTAZIONI DEI PIACERI MATERIALI
Tornato sulla strada giusta, Pinocchio viene fermato dalla Volpe che lo attrae in direzione dell “Isola dei piaceri”, un luogo senza la scuola (conoscenze) e leggi (morale). I bambini possono mangiare, bere, fumare, combattere e distruggere a piacimento, il tutto sotto l’occhio vigile del cocchiere.
L’isola del piacere è una metafora per la vita “profana” caratterizzata dall’ ignoranza, la ricerca della gratificazione immediata e la soddisfazione dei più bassi impulsi della propria vita. Il cocchiere incoraggia questo comportamento sapendo che è un metodo perfetto per creare schiavi. I ragazzi che si abbandonano a sufficienza in questo stile di vita da sfigati si trasformano in asini e vengono poi sfruttati dal cocchiere per lavorare in una miniera. Un’altra rappresentazione piuttosto cupa, questa volta delle masse ignoranti.
Pinocchio stesso inizia a trasformarsi in un asino. In termini esoterici egli è più vicino alla sua parte materiale più che a quella spirituale, impersonata da questo animale testardo. Questa parte della storia è un riferimento letterario ad Apuleio e alla sua opera ‘La Metamorfosi o Asino d’oro”, un classico studiato nelle scuole misteriche, come la massoneria.
Le metamorfosi descrivono le avventure di Lucio, che è tentato dalle meraviglie della magia e a causa della sua stupidità, si trasforma in un asino. Questo lo porta ad affrontare un viaggio lungo e difficile dove è infine salvato da Iside e si unisce al culto del suo Mistero. Il racconto delle Metamorfosi offre molte somiglianze con Pinocchio per la sua trama, la sua allegoria spirituale e il suo tema di iniziazione occulta.
Pinocchio, una volta riconquistata la sua coscienza, sfugge dalla prigione della vita profana e scappa dall’Isola dei piaceri.
Pinocchio torna a casa per unirsi con suo padre, ma la casa è vuota. Egli scopre che Geppetto è stato inghiottito da una balena gigante. Il burattino si getta in acqua e viene lui stesso ingoiato dalla balena al fine di trovare il suo Creatore. Questa è la sua iniziazione finale, dove il suo compito è quello di fuggire dalla vita ignorante (simboleggiata dal ventre della balena gigante) e guadagnarsi la luce spirituale.
Ancora una volta, Carlo Collodi è stato fortemente ispirato da una storia classica di iniziazione spirituale: il Libro di Giona. Trovato nel cristianesimo, nell’Islam e nell’ Ebraismo, Giona e la balena è studiato anche nelle scuole del Mistero.
Giona è il personaggio centrale del libro di Giona. Gli viene ordinato da Dio di  andare verso la città di Ninive a profetizzare contro di essa “perchè la loro grande malvagità è salita fino a me” Jonah mira invece a fuggire “dalla presenza del Signore” andando a Jaffa e facendo vela a Tarsis. Una tempesta enorme infuria e i marinai, realizzando che questa non è una tempesta ordinaria,capiscono che la colpa è di Giona . Giona ammette le sue colpe e afferma che se verrà gettato in mare la tempesta cesserà. I marinai cercano di indirizzare la nave a riva, ma vedendo che sarebbero stati inghiottiti dal mare decidono di gettare Giona in mare, a quel punto il mare si calma. Giona è miracolosamente salvato da un pesce enorme che lo ha inghiottito, appositamente preparato da Dio dove passò tre giorni e tre notti (Giona 1:17). Nel capitolo due, mentre nel grande pesce, Giona prega Dio nella sua afflizione e si impegna a onorarlo e di pagare quello che ha promesso. Dio comanda al pesce di vomitare Giona “.
Manly P. Hall, spiega qui l’occulto significato dei Giona e la balena:
Quando viene usato come simbolo del male, il pesce rappresenta la terra (la natura più bassa dell’uomo) e la tomba (il sepolcro dei Misteri). Così è stato Giona tre giorni nel ventre del “grande pesce”, come Cristo fu tre giorni nel sepolcro. Diversi primi Padri della Chiesa ritengono che la “balena”, che ha ingoiato Giona era il simbolo di Dio Padre, che, quando il profeta venne sfortunatamente gettato in mare, ha accettato Giona nella propria natura fino a che non raggiungesse un luogo di sicurezza. La storia di Giona è in realtà una leggenda di iniziazione ai misteri, e il “grande pesce” rappresenta le tenebre dell’ignoranza che avvolgono l’uomo quando si è getta dalla nave (la nascita) in mare (la vita). “
Jonah che emerge dalla balena con la parola di Dio
Pinocchio ha attraversato le difficoltà dell’iniziazione ed è uscito dal buio dell’ignoranza. Egli emerge dalla tomba risorto, come Gesù Cristo. Ora è un “bambino vero”, un uomo illuminato che ha rotto le catene della vita materiale per abbracciare il suo io superiore. Il Grillo Parlante riceve un distintivo in oro massiccio dalla Fata, che rappresenta il successo del processo alchemico di trasformare la coscienza di Pinocchio da un metallo grezzo in oro. La “Grande Opera” è stata compiuta.

FONTE

ULTERIORI APPROFONDIMENTI:

2 commenti:

  1. Pare che tanti massoni in politica non abbiano avuto proprio questa "illuminazione" semmai si sono fermati alla fama (potere) e alla fortuna (denaro) .

    RispondiElimina
  2. La storia di giona e la balena io la conoscevo , avevo un libricino da piccola, lo adoravo. Una cosa poi nel cartone mi sono sempre chiesta, anche da ragazzina, quando pinocchio ballava nello spettacolo di mangiafuoco (di origini slave o gitane?) come mai ci fossero donne burattino che rappresentavano: francia, olanda e russia ? Perchè non ci sono altre nazioni in quella scena? Specialmente l'olanda quando la bambolina dice se i fili non li hai tu anche io non li voglio più, è una metafora che riguarda forse il potere legato a determinate nazioni schiave di altre? e la russia verso la fine dove pinocchio si trova poi ingarbugliato nelle marionette dei cosacchi? Ha un significato in chiave occulta anche quello? Probabilmente il cartone di walt disney ha qualche chiave di lettura che è diversa ancora dalla versione di collodi?

    RispondiElimina