PRODOTTI BIO IN OFFERTA SCONTI FINO AL 30%

Aiutaci a mantenere il questo blog:

Aiutaci a mantenere il questo blog:
In qualità di affiliato Amazon riceviamo una piccola commissione dagli acquisti sponsorizzati in questo sito

giovedì 31 agosto 2017

LA CURA DELL’UVA PER DEPURARE E RINGIOVANIRE

UNA BEVANDA CHE VIENE DA MOLTO LONTANO

L’uva, per le sue componenti e caratteristiche, si presta in modo eccellente a una cura disintossicante e ricostituente. La cura dell’uva consiste nel nutrirsi degli acini, oppure nel bere esclusivamente il succo, o anche nel fare ricorso ad ambedue le pratiche. 


L’uva è il frutto della vite (Vitis vinifera) ed è uno dei più antichi, si ritiene sia comparsa sulla terra 100 milioni di anni fa, è originaria dell’Asia minore.
La cura dell’uva veniva praticata dalle antiche popolazioni arabe ed anche nell’antica Grecia. La raccomandava pure Galeno a un suo paziente speciale di nome Marco Aurelio. Cura dell’uva dunque in auge anche nella Roma dell’impero.


RINFORZANTE DEL SISTEMA IMMUNITARIO

Ricca di vitamine A, B1, B2, C, PP e sali minerali. Rafforza le difese immunitarie ed è un buon ricostituente (mantiene elastico il tessuto cutaneo, stimolando la sintesi del collagene), combatte l’anemia, la stitichezza e aiuta a depurare il fegato dalle tossine. Nella buccia dell’acino d’uva è presente il resveratrolo che ha un’azione antitumorale, antiinfiammatoria e fluidificante del sangue, che limita l’insorgenza di placche trombotiche e difende da batteri e funghi.

E' ricca di sali minerali come potassio, manganese, ferro, calcio, rame e fosforo. Contiene inoltre vitamine ed è ricca di zuccheri facilmente assimilabili (al contrario degli zuccheri industriali che necessitano dell’intervento del fegato) ovvero glucosio e fruttosio. E’ uno dei pochi frutti che contiene boro: il  boro facilita l’ assimilazione del calcio e la deposizione all’interno del tessuto osseo.


UVA COME POTENTE ANTI-ACIDO

L’uva è estremamente digeribile e possiede numerose proprietà terapeutiche. Dolce, succosa ed energetica. Bianca, dorata, violacea o nera, l’uva è un tipo di frutta particolarmente saporito e ricco di virtù salutari conosciute fin dai tempi antichi. Mezzo chilo d’uva ha lo stesso potere antiacido di tre cucchiaini di bicarbonato. Lo riporta pure il dr. René Andreani.


PREZIOSA NELLE CONVALESCENZE E NELLE GRAVIDANZE

La cura dell’uva è indicata nelle convalescenze, durante la gravidanza, nell’astenia, nell’artritismo. Può servire negli stati febbrili, nei soggetti sofferenti di nefrite, azotemia, edemi, ipertensione, dermatosi. Le uve più adatte includono Aleatico, Barbera, Cabernet Sauvignon, Cabernet Cardinal, Ciliegiolo, Fragola nera (Isabella), Lacrima di Moro d’Alba, Merlot, Montepulciano, Sangiovese, Vernaccia nera e tante altre ancora.


PRINCIPALI PROPRIETÀ DELL’UVA

Energetica, rimineralizzante, disintossicante (favorisce il drenaggio organico). Grande alleata di bellezza e benessere, oltre che efficace antidoto contro lo stress generato dal rientro alla vita normale dopo un periodo di vacanza e relax, grazie alle sue proprietà tranquillanti.


LA MELATONINA STA NELLA BUCCIA E NEI VINACCIOLI

La melatonina contenuta nella buccia e nei chicchi di uva può contrastare il cosiddetto “stress da rientro al lavoro” dopo la pausa estiva, regolando i ritmi circadiani (i ritmi biologici che hanno la durata di 24 ore) negli esseri umani, proprio come fa l’ormone prodotto naturalmente dalla ghiandola pineale situata nel cervello.


Melatonina
Vecchia sostanza dei poteri nuovi, una vita lunga 140 anni
Voto medio su 2 recensioni: Buono
€ 14

UNA BEVANDA NON-PLUS-ULTRA VALIDA PER TUTTI

Molto digeribile, contribuisce a ridurre il livello di colesterolo nel sangue e a eliminare l’acido urico. Provoca una ipersecrezione biliare. Un bicchiere di succo d’uva nera rallenta l’attività delle piastrine del 75%, per ridurre in modo significativo il rischio di trombosi e di infarto cerebrale, favorisce l’attività cardiaca, purificando il sangue, giova al sistema nervoso, ed è preziosa nel corso di sforzi fisici e psichici. Indicata per i dispeptici, gli stitici, i litiasici biliari e urinari.


LA CURA DELL’UVA - PANACEA CONTRO L’OBESITÀ


Ottima cura contro il sovrappeso? Due giorni su 10 alimentarsi solo di uva, con 1200 kg/giorno. Disinfettante ed antivirale, è una panacea per obesi e per affetti da piorrea, previene patologie degenerative, quali il morbo di Alzheimer, aiuta a ostacolare la comparsa di tumori e rallenta la degenerazione delle cellule cerebrali. Esistono documentati casi di guarigioni importanti. Nel 1920 la dottoressa sudafricana Johanna Brandt riuscì con l’ampeloterapia a curare un cancro allo stomaco come racconta nel suo libro "Disintossicarsi con la Cura dell’Uva." Tutto questo è favorito di più dall’uva nera che da quella bianca, perché contiene una maggiore concentrazione di flavonoidi (circa 20 volte di più). È utile se associata alle cure contro gli avvelenamenti e le intossicazioni croniche da piombo e mercurio.


SUCCO D’UVA ADATTISSIMO PER L’INFANZIA E PER LO SVEZZAMENTO!


Impressionante l’equivalenza tra succo d’uva e latte di donna. Il latte di donna contiene acqua 87%, materie azotate 1,5 %, materie minerali 4% e zucchero 11%. Il succo d’uva contiene acqua 75-83%, materie azotate 1,7%, materie minerali 1,3%, zucchero naturale 12-30%. Il succo d’uva è da considerarsi una specie di latte vegetale ad alto valore calorico (oltre 900 calorie per 1 kg di uva). Il tutto senza introdurre nel corpo un sovrappiù di proteine negative.


CURA PROLUNGABILE A DUE SETTIMANE


Ecco dunque qualche consiglio per una cura dell’uva adatta a tutti. La cura va fatta se possibile con uva nera e si prolunga generalmente per un paio di settimane. Il succo d’uva, definito latte vegetale, molto simile, per la sua composizione al latte umano, è consigliato in particolar modo a bambini, studenti, sportivi, anziani, gestanti e puerpere. In fitocosmesi viene usato per lozioni tonificanti e maschere idratanti e schiarenti. Prima di essere mangiata, l’uva va sempre accuratamente lavata in acqua corrente, in modo da togliere la polvere e le eventuali tracce di solfato di rame che possono essere presenti sulla buccia. Prima di intraprendere una cura dell’uva è opportuno uno stop totale da ogni eventuale farmaco.


Estraggo Pro - Estrattore
Estrattore di succo da frutta e verdura - BPA Free - 60 giri al minuto - Puoi inserire la frutta e la verdura intera!
Voto medio su 22 recensioni: Da non perdere
€ 469

LA CURA DELL’UVA È PRATICA COMUNE IN GERMANIA, AUSTRIA E SVIZZERA

Perché una cura a base di uva sia efficace bisogna alimentarsi di sola uva con 1-2 chili al giorno. Va iniziata alla fine di agosto fino alla fine di ottobre. Durante il periodo estivo il corpo umano tende a produrre una dose maggiore di radicali liberi, quindi prima della stagione fredda l’organismo va protetto. Viene particolarmente praticata in Germania, Austria e Svizzera, mentre in Italia si preferisce la cura del vino, che è ovviamente tutt’altra cosa.


NELLA CURA PROLUNGATA EVITARE SEMI E BUCCE

In genere va bene masticare la buccia ed anche i vinaccioli. Ma se la cura si prolunga per parecchi giorni, non ingerire mai, i vinaccioli e le bucce. Dopo diversi giorni di cura dell’uva, l’intestino si pulisce eliminando ogni traccia di olio e lubrificanti vari, quindi le bucce ed i semini faticherebbero a scorrere rischiando di formare un tappo che potrebbe provocare un pericolosissimo blocco intestinale. Contrariamente a quello che si crede, se si mangia esclusivamente uva, la glicemia si abbassa.


PREPARAZIONE ALLA CURA E RIPRESA DALLA CURA

Prima d’iniziare la cura è opportuna una preparazione di alcuni giorni a base di frutta e verdura cruda. Se la cura si prolunga oltre una settimana è opportuno al termine un periodo di rialimentazione graduale. Sono consigliati in questo periodo centrifugati di frutta e verdura, spremute, frullati. Quindi passare poi a frutta e verdura cruda (masticata molto) prima di riprendere la normale alimentazione. Per la cura, l’uva dovrebbe essere colta matura e fresca ogni giorno e possibilmente dovrebbe essere biologica!
- Valdo Vaccaro

FONTE

Mangiar Crudo per Vivere Sani - Raw Food
Grande manuale di educazione alimentare per andare a tutta salute; con le ricette vegane-crudiste di Simone Salvini.
Voto medio su 3 recensioni: Da non perdere
€ 23.5


Ecco gli OLII ESSENZIALI per ogni SEGNO ZODIACALE

Oggi vi voglio illustrare gli intrecci impensati tra l’aromaterapia ed i segni astrologici. L’aromaterapia si basa sull’uso degli oli essenziali, le essenze che si estraggono dalle piante, la componente più sottile e purificata della pianta stessa. 


Grazie a questa leggerezza materica, un olio essenziale entra in contatto con la nostra parte psichica/emotiva, la parte “invisibile” di noi, aiutandoci a consapevolizzare un’emozione, a riequilibrare una situazione di stress psicofisico, a recuperare la stanchezza, a liberare la mente, ecc.


LA FUNZIONE DEGLI OLI ESSENZIALI

La natura volatile e profumata dell’olio essenziale entra in contatto immediato con la parte del cervello umano più atavica, bypassando gli schemi mentali di giudizio e controllo, portando equilibrio nei territori interiori spesso tormentati e contorti.

VEDI ANCHE: AROMATERAPIA & CORREZIONE-PROTEZIONE dell'AURA


L’EFFETTO DEGLI OLI ESSENZIALI IN BASE AL SEGNO ZODIACALE

Poiché esistono piante per ogni stagione e i vari segni si sviluppano in un determinato tempo, incrociando i dati, si ottengono dei risultati illuminanti: ogni segno ha, come noto, determinate predisposizioni a seconda del pianeta che lo governa.
Per esempio, l’Ariete, il primo segno dello Zodiaco simbolo della primavera e della rinascita (vi siete mai chiesti come mai la Pasqua, simbolo di resurrezione – cada sempre sotto questo segno?), è governato da Marte, pianeta di energia maschile che rappresenta la grinta, quella necessaria alla Natura a spaccare lo strato di terra gelata dell’inverno per ritornare alla vita.



Questa simbologia si sviluppa lungo l’intero Zodiaco e ci mostra l’indissolubile legame tra Natura e Uomo, quindi tra piante e natura umana. Vediamo ora come, segno per segno.


  • ARIETE: segno appartenente all’elemento Fuoco, governato da Marte, energico ed effervescente. Tende però ad esaurire velocemente le forze ed ha bisogno di ricaricarsi. Non solo: la sua natura perennemente adolescenziale rischia di sottoporlo a mandate di acuta insicurezza, frammiste a punte di senso di inadeguatezza. Gli oli essenziali consigliati sono: cannella dal profumo caldo e speziato, energico e stimolante; rosmarino essenza tonificante per eccellenza; arancio essenza con effetto rincuorante e calmante, dà  fiducia e rassicura, scioglie il senso di costrizione a livello del petto e del plesso solare.
  • TORO: segno appartenente all’elemento Terra, governato da Venere, determinato e costruttivo. Tende a fossilizzarsi in una vita sedentaria fatta di piccole cose, che nel lungo termine si soffoca in se stessa. La sua natura abitudinaria lo rende vittima di problemi d’ansia a causa della resistenza posta ai cambiamenti naturali dell’esistenza. Gli oli essenziali consigliati sono: fiori di arancio (neroli) acquieta l’ansia e tranquillizza il cuore; pepe stimola la circolazione e aiuta il movimento sia psicologico che fisico; incenso rende la respirazione più calma e crea la sensazione di un ambiente energeticamente favorevole.
  • GEMELLI: segno appartenente all’elemento Aria, governato da Mercurio, comunicativo, curioso e intellettivamente irrequieto. L’aspetto “negativo” di queste caratteristiche è la tendenza alla dispersione ed alla superficialità , alla ricerca spasmodica di cambiare le cose, non permettendo così la finalizzazione di un risultato per impazienza e paura della noia. Gli oli essenziali consigliati sono: melissa sedativa nell’ipersensibilità  nervosa; lavanda riequilibrante e calmante per il sistema nervoso; sandalo  essenza legnosa che aiuta a ritrovare il “centro”.
  • CANCRO: segno appartenente all’elemento Acqua, governato dalla Luna, riflessivo e contemplativo, creativo e sensibile. La sua tendenza è quella di chiudersi in situazioni anche disagevoli ma note, familiari e intimistiche. Ama vivere in uno spazio protetto dentro cui lasciar trapelare molto poco del mondo esterno che spesso non si sente all’altezza di affrontare. Gli oli essenziali sono: canfora stimola all’azione con effetto “d’urto” quando c’è un trattenimento e un’inibizione; arancio corroborante e dolcemente riscaldante, ammorbidisce e nutre il cuore; limone quando i pensieri tendono a fissarsi e a ripetersi, “abbassa il centro di gravità “ e riporta la persona ad una migliore centratura, disintossica e pulisce la mente.
  • LEONE: segno appartenente all’elemento Fuoco, governato dal Sole, affascinante e carismatico, generoso e produttivo. La caratteristica portatrice di squilibrio in questo caso è una esagerata ridondanza verso se stessi e la tendenza ad agire come se si fosse sempre davanti ad uno specchio. Si avverte la grande importanza dei ruoli e delle maschere che uno si sente inconsciamente costretto ad indossare. Gli oli essenziali consigliati sono: lavanda per le cefalee da stress e tensione nervosa, quando la vita è una marea che non riusciamo a controllare; sandalo per riequilibrare la tensione nervosa e la depressione quando non ci permettiamo di esprimere la nostra vera natura sanguigna; cannella quale essenza energizzante e dirompente, per ristabilire la giusta circolazione energetica tra mente, corpo e spirito.
  • VERGINE: segno appartenente all’elemento Terra, governato da Mercurio, logico, analitico, perfezionista, ottimo organizzatore, insegnante preparato e dedito. Presenta una forte componente mentale di controllo della vita, che pretende di guidare a modo suo, spesso opponendosi allo flusso salvifico degli eventi naturali. Gli oli essenziali consigliati sono: ylang ylang il suo aroma intenso e penetrante aiuta ad allentare le difese e permette al cuore di trovare il suo ritmo naturale, alterato da un eccessivo stress dovuto spesso all’ipercontrollo dell’Io; menta per eliminare il senso di torpore e senso di pesantezza; limone essenza apportatrice di luce e chiarezza, acquieta il lavorìo mentale e favorisce l’auto-ascolto.
  • BILANCIA: segno appartenente all’elemento Aria, governato da Venere, ama la giusta misura espressiva, l’armonia incarnata nella forma, l’equilibrio tra gli opposti, che ricerca in ogni modalità  d’essere. Questa tendenza può causare aridità  di sentimenti perché toccare il mondo emotivo porta necessariamente ad oltrepassare l’atteggiamento distaccato necessario ad essere sempre “splendidi”. Gli oli essenziali consigliati sono: geranio essenza dalla profumazione molto dolce, per uscire dal compassato auto-compiacimento di auto-osservazione; rosa permette il ripristino delle energie emozionali positive e costruttive, aiutando il processo di accettazione delle proprie naturali “sbavature”; patchouli ad effetto euforizzante, per alleggerire la pesantezza.
  • SCORPIONE: segno appartenente all’elemento Acqua, governato da Plutone, intimistico, riservato, indagatore, misterioso e appassionato. Tende a soffrire di senso d’inferiorità  perché è capace di darsi totalmente e se non si sente ricambiato allo stesso modo, percepisce una forma di non amore. Tutto nella sua vita è dedizione ad una causa, ad una persona, purché vissuto al 100% di se stessi. Gli oli essenziali consigliati sono: cipresso per riequilibrare un’emotività  oscillante. E’un’essenza legnosa e aiutare a trovare il centro di sé, dove tutto fluisce in libertà  e noi riusciamo ad osservare noi stessi; basilico per ritrovare lucidità  mentale e distacco emotivo; pino apre la respirazione e accresce la gioia di vivere, riconnette con il proprio ciclo vitale.
  • SAGITTARIO: segno appartenente all’elemento Fuoco, governato da Giove, entusiasta e vitale, ottimista, risolutivo, grandioso nei modi e nello stile di vita. Il limite qui è l’eccesso, in ogni senso, negli atteggiamenti poco misurati, alle abitudini alimentari e di vita. Ha bisogno di una causa in cui credere e in cui convogliare tutte le grandi energie di cui dispone. Gli oli essenziali consigliati sono: menta per la decongestione del fegato, organo-bersaglio di questo segno, sovraccaricato dagli eccessi di abitudini alimentari e di vita a volte discutibili; rosa per liberare le energie psicofisiche concentrate su un singolo obiettivo che impedisce di vedere l’insieme delle situazioni in modo distaccato; arancio ad azione antispastica e calmante.
  • CAPRICORNO: segno appartenente all’elemento Terra, governato da Saturno, compassato, misurato, riflessivo, taciturno e riservato. Tende all’isolamento perché ha un buon rapporto con se stesso, mentre non si apre volentieri con il mondo esterno, con cui sente che non sempre vale la pena di instaurare un rapporto dialettico. E’ comunque determinato e concentrato e può realizzare l’impossibile. Gli oli essenziali consigliati sono: rosmarino tonificante, energizzante, aiuta l’auto-espressione; melissa rilassa e riequilibra la tendenza a chiudersi in se stessi; incenso rende la respirazione più calma e crea la sensazione di un ambiente energeticamente favorevole.
  • ACQUARIO: segno appartenente all’elemento Aria, governato da Urano, istrionico, creativo, anticonformista e proiettato nel futuro. Tende a dimenticare la responsabilità  perché la percepisce come un ostacolo alla sua libertà  individuale, da cui non può e non vuole prescindere. E’ alla costante ricerca di soluzioni innovative che possano migliorare la vita di quante più persone possibili. Gli oli essenziali consigliati sono: chiodi di garofano ad azione riscaldante, iperemizzante, riattivante, quando si è troppo concentrati sulla mente e poco sul corpo; benzoino dall’aroma ricco e stimolante, permette di vedere la vita in tutte le sue sfumature anche più dense e realistiche, imparando ad apprezzarle; coriandolo essenze antifermentative contro il gonfiore addominale, quando la mente ed i pensieri “gonfiano” la pancia.
  • PESCI: segno appartenente all’elemento Acqua, governato da Nettuno, mistico, sognatore, creativo, amorevole e generoso. Tende a non percepire i confini tra sé ed il mondo, agendo quale salvatore di tutti, capro espiatorio, assumendo l’atteggiamento presuntuoso di ritenere di aver le spalle abbastanza larghe da sopportare il peso del dolore altrui. Gli oli essenziali consigliati sono: tea tree per riequilibrare i disturbi dermatologici, se il senso di empatia è troppo forte, il corpo agisce in un confine che noi non sentiamo con il mondo esterno, mettendo in evidenza il ruolo della pelle come luogo di battaglia; sandalo per ritrovare il proprio centro ed equilibrio interiore; pino silvestre per l’affaticamento di voler dare troppo senza sentirsi nutriti.


POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: 
AROMATERAPIA & CORREZIONE-PROTEZIONE dell'AURA


martedì 29 agosto 2017

Qual è la paura nascosta nel tuo inconscio?

Magari sei a conoscenza della tua paura dei ragni o clown, ma quali altre paure sono profondamente nascoste nel tuo inconscio?


Guarda l'immagine della pittura di Vladimir Kush
Cosa vedi prima? 
Ora, ricorda la tua risposta e scorri verso il basso per un'analisi della tua scelta!





  • Se hai visto per primo il coltello:


La tua paura nel inconscio è di una malattia terminale. Hai paura di avere una malattia terminale senza accorgersi. Hai paura di soffrire e ti preoccupi di morire a qualsiasi momento.


  • Se hai visto per primo il bruco:


La tua paura nel inconscio sono i fantasmi, conosciuti anche come spettrofobia. E' probabile che tu abbia paura dei fantasmi o che gli spiriti maligni ti appariscano assorbendo la tua energia nei momenti più deboli, come quando sei in stato di confusione o prima di addormentarsi.


  • Se hai visto per primo la farfalla:


La tua paura nel inconscio è il tradimento. Forse gli altri ti abbiano ferito o ingannato diverse volte. Forse hai avuto un rifiuto, che sia in un ambito lavorativo oppure sentimentale. Intanto sei bravo a nascondere questa tua debolezza che diventa visibile solo quando sei faccia a faccia.


  • Se hai visto per primo la mela:


La tua paura nel inconscio è la morte. Non esattamente la tua, ma quella dei tuoi cari. Forse tu abbia già perso qualcuno di speciale. Con questo accaduto ti sei traumatizzato lanciando un'ombra nel tuo inconscio, naturalmente non riesci a sopportare il pensiero di perdere qualcuno importante per te.

Se ti è piaciuto questo articolo, condividilo con i tuoi amici.

 

VEDI ANCHE:



FONTE

sabato 26 agosto 2017

ISCHIA: strani cerchi nel mare filmati da un abitante prima del terremoto [ VIDEO ]

Si Chiama Vicente Schiano, abita a Ischia e ha pubblicato, sul suo profilo Facebook, un video abbastanza inquietante, che trovate in fondo all’articolo. 




Dai commenti sembra che sia stato girato a Sant’Angelo, sul versante sud dell’Isola, quindi dalla parte opposta all’epicentro del terremoto del 21 agosto.


Si vedono cerchi concentrici che si allontanano dallo stesso punto centrale. Lo stesso autore del video ammette che solo questa volta gli è capitato di assistere a una scena simile. Il video è stato girato venerdì 9 giugno, quindi quasi due mesi e mezzo fa.

Da profani ci chiediamo: si potrebbe trattare di una specie di precursore? I geologi e i vulcanologi hanno detto che nessuno strano fenomeno poteva far ipotizzare che in quella zona si sarebbe verificato un terremoto. Ma forse non avevano visto questo filmato.


Il Caso e la Probabilità
Le sorprese di una strana coppia
Lo trovi su Macrolibrarsi.it

Cosa può generare dei simili cerchi in superficie? Qualcosa si stava muovendo sul fondo? Forse c’era una fuoriuscita di qualche sostanza dal fondo marino? Speriamo che presto questo documento venga visionato da degli esperti in grado di dare spiegazioni.


FONTE


Esperimenti Scientifici Non Autorizzati
Finalmente svelate le invenzioni che possono cambiare il mondo - Tecnologie straordinarie facilmente applicabili da chiunque sappia usare un cacciavite o svitare una lampadina - Un libro da leggere prima che venga fatto sparire per sempre
Voto medio su 21 recensioni: Da non perdere
€ 13.9

venerdì 25 agosto 2017

La pace interiore inizia quando non ci si lascia gestire dagli altri.

La pace interiore inizierà nel momento in cui non permetterete più agli altri di governare le vostre emozioni e i vostri pensieri e sentimenti.



La vostra pace interiore comincerà lo stesso giorno in cui non permetterete più agli altri di gestirvi. Quando le vostre emozioni non potranno essere manipolate sulla base di credenze malsane ed esigenze di terzi.

Quella sensazione di pace è il chiaro segno che abbiamo preso la direzione giusta. È un’evidente prova grazie a cui avremo la garanzia di godere di un buon equilibrio fisico e mentale.

Dobbiamo quindi saper gestire le aspettative che abbiamo su noi stessi, evitare di reagire di fronte alle offese e alle provocazioni per non farci dare degli iracondi o dei vanitosi.

Quando viviamo sottomessi a ciò che gli altri si aspettano o cercano in noi, diamo la priorità alle scelte di terzi e non ascoltiamo i nostri veri bisogni.

Per questo motivo, è fondamentale prendere le decisioni da soli, perché solo quel salto nel buio può colmarci di pace e generare grandi dosi di coraggio, responsabilità e benessere emotivo.


“Devo essere sereno per accettare le cose che non posso cambiare, coraggioso ed entusiasta per cambiare quelle che posso modificare e abbastanza saggio per distinguere tra cosa posso fare e cosa non posso fare”.(Reinhold Niebuhr)



Siate selettivi con le vostre battaglie

Siate selettivi con le vostre battaglie, perché a volte avere pace è più importante che avere ragione. La vostra pace interiore non è negoziabile e dipende solo da voi e dalla vostra fedeltà al vostro alter ego, lo stesso che si fa sentire quando vi chiedete se esaudire o meno le esigenze altrui.
Anche se quando dite “basta” dovete ascoltare il vostro cuore, una volta presa la decisione di liberarvi della pressione impostavi dalle persone che vogliono gestirvi, dovete essere responsabili e riprendere in mano il timone che può guidarvi trionfalmente attraverso le paure. A questo scopo, dovete tenere a mente che:

  • Non è facile gestire l’incertezza.
  • Ogni processo di cambiamento implica un certo livello di malessere che dovete tollerare.
  • È necessario che ogni decisione sia presa con integrità.
  • Dovete sapere che, aprendo una porta, potete trovarvi davanti molti sentieri, e forse dovrete percorrerne vari durante la ricerca della vostra pace interiore.
  • È sempre positivo lasciarvi alle spalle le persone che vi fanno del male. Tuttavia, c’è un’altra questione da considerare: la distanza fisica ed emotiva. A volte, quella fisica, che in principio sarebbe sufficiente, è impossibile da raggiungere; dunque dovete realizzare un grande esercizio interiore.

«Mi faccia indovinare, lei vuole che io creda alle sue.»
«No, voglio che smetti di raccogliere informazioni dall’esterno e che inizi a riceverle da dentro di te. La gente ha paura di ciò che hai dentro, anche se in realtà è l’unico luogo in cui troverebbe ciò di cui ha bisogno.»

– La via del guerriero –

Chi coltiva pace interiore trasmette tranquillità

Chi coltiva la sua pace interiore trasmette tranquillità al resto del mondo. Perché? Perché la mente è come l’acqua: quando è calma riflette la bellezza di ciò che la circonda. Tuttavia, quando è agitata, non importa cos’abbia davanti: non sarà capace di rifletterlo.

E a noi umani succede la stessa cosa: non possiamo educare bene i nostri bambini se abbiamo perso la temperanza lungo la strada. Non possiamo nemmeno condurre una vita sana o relazionarci correttamente con gli altri se nella nostra mente c’è una tempesta.

Per questo motivo, è molto importante ricordare che la pace interiore è una delle ricchezze più grandi che si possano possedere. Ciò non vuol dire che dobbiamo sopportare ogni cosa con infinita pazienza fino ad esplodere: il trucco sta nell’annientare le aspettative esterne e nel rispettare quello che vogliamo noi.

Soddisfacendo le nostre volontà e lasciando da parte ciò che ci pesa, raggiungeremo la tanto agognata pace interiore. Ricordate che l’amor proprio ha un limite chiamato dignità e su di essa non si possono ammettere sgarri. Nessuno è abbastanza importante da potersi permettere di amareggiare la vostra vita.


Questi 11 potenti MANTRA ti daranno una spinta quando ne avrai la necessità

Cos'è un mantra? Sintetizzando significa "un pensiero che agisce, che compie" (dal sanscrito "man: pensare" e "tra: che compie" (altre culture fanno derivare il significato a "pensiero che protegge").


In ogni caso... è un pensiero che compie qualcosa (protegge, illumina, realizza).

La parola mantra è ormai entrata nel linguaggio comune e molte persone la usano per intendere una “formula magica”, un incantesimo che ha qualche effetto subliminale a livello profondo. Molto probabilmente questo è dovuto al fatto che si è capito che la stragrande maggioranza delle paure e dei blocchi interiori che ci impediscono di essere veramente felici si nascondono nell’inconscio.


L'inconscio per Amico
Ciò in cui credi può accadere
Voto medio su 27 recensioni: Da non perdere
€ 16

Ascoltando le maggiori difficoltà attuali, noto che spesso le persone chiedono aiuto, ma non si concedono di guarire, di migliorare, di crescere, di perdonarsi e perdonare. Lavoro, frenesia, stress s’impossessano della nostra vita, ingabbiandoci all’interno di una routine che non ci appartiene. 

Ma cosa succederebbe se ogni giorno tentassimo di instaurare delle piccole sane abitudini per vivere al meglio le nostre giornate?


ECCOTI 10 MANTRA che ti daranno una spinta quando ne avrai la necessità:



1. Anche quando sono solo ricordo che sono collegato a tutti


2. Troverò la mia strada per aiutare gli altri con la loro


3. La mia mente è pura e genera solo pensieri positivi


4. Io accetto tutti, ovunque si trovino


5. Vedrò solo la bellezza intorno a me


6. Mi permetto abbondanza e buon auspicio per me


7. Tratto la mia mente e il corpo come meritano di essere trattati


8. Mi soffermerò solo su pensieri ed emozioni che mi aiutano a crescere


9. Cercherò verità e conoscenza


10. Sorrido alla vita e contribuisco all'energia positiva dell'Universo


11. Perdono tutti coloro che mi hanno fatto del male, partendo da me.

( Tecnica risolutiva del Ho’oponopono)


Allora, quale fa per te in questo momento? 
Scrivilo su un foglietto e per 7 giorni portalo con te, rileggilo ogni volta che ti viene il desiderio di farlo, cerca di "sentirlo".

Nota come i tuoi pensieri si muovono in modo diverso, le cose che fai in modo diverso, le cose che accadono in modo diverso, l'energia che si muove in modo diverso. Alla fine dei 7 giorni stila un piccolo riassunto di quello che è successo.

"I pensieri sono cose" - ha scritto Napoleon Hill - "per giunta molto potenti"


Pensa e arricchisci te stesso
Versione nuova
Il Potere del Cervello Quantico
Come far esplodere il potenziale nascosto del tuo cervello
Voto medio su 484 recensioni: Da non perdere
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

mercoledì 23 agosto 2017

10 Modi Naturali per AUMENTARE la VITALITA' e MIGLIORARE l’UMORE

Abbiamo tanti rimedi a disposizione per tirare su il nostro umore, per sentirci più vivi e vitali. 


Mentre rimani (o impari a diventare) sempre più centrato e positivo, puoi contemporaneamente e facilmente recuperare la vitalità di tutti i giorni e l’energia che vuoi e che ti meriti, con questi semplici dieci metodi.


1 – Bere acqua: Essere idratati ci permette di liberare le tossine e di lasciare andare quello che non ci serve. Può sembrare banale ma spesso basta farsi qualche bicchiere di buona acqua per sentirsi meglio. Possiamo anche farci della semplice acqua calda con uno spicchio di limone e mescolare per 15 secondi per strutturarla. Se il nostro organismo è disidratato il suo messaggio può manifestarsi in un calo concreto di energia e di buonumore.

2 – Serotonina: E’ il famoso ormone del buon umore e viene prodotto naturalmente nel nostro corpo a partire dall’amminoacido triptofano. Quindi per avere alti livelli di serotonina è importante esporsi al sole durante il giorno e consumare cibi che contengano triptofano. Alimenti ricchi di triptofano sono la spirulina, la frutta secca (in particolare gli anacardi), gli asparagi, i carciofi, le zucchine e il cioccolato.

3 – Il potere di un abbraccio: Ebbene sì, potrebbe bastare un abbraccio di 30 secondi a cambiare radicalmente il tuo stato emotivo. Durante un abbraccio lungo vengono rilasciate delle sostanze ormonali nel corpo come l’ossitocina che sono legate al piacere e al buon umore.


Guarire con un Abbraccio
La forza benefica della "Terapia delle Coccole"
€ 14

4 – Meditare: Chiudi gli occhi e osserva il respiro come entra dalle narici e gonfia la pancia, e osserva come esce sgonfiando la pancia e uscendo dal naso. Basta farlo per qualche minuto per sentire la differenza. Mettere la mano destra sulla pancia e la sinistra sul petto può aiutare. Questo ci radicherà nel momento presente, il punto di accesso alla gioia.

5 – Verde e aria aperta: Stare a contatto con la natura ci riporta nel momento presente e ci allontana dalle storie mentali che ci attanagliano. Fare una passeggiata mette anche in moto tutto l’organismo e stimola a ripulirci dalle tossine. Anche abbracciare gli alberi è dimostrato essere un’ottima pratica per la salute come camminare a piedi scalzi, il cosiddetto Grounding dai mille benefici.

6  – Iperico: Per le persone tendenzialmente depresse, ansiose e meteopatiche ha ottimi risultati l’Iperico o Erba di San Giovanni. Utile anche per chi soffre di sbalzi d’umore. Contiene sostanze che stimolano l’umore e l’energia mentale e che hanno contemporaneamente una funzione rilassante sulla muscolatura e su l’apparato digestivo. Se il tuo stato d’animo è caratterizzato da senso di inutilità o colpa, astenia e affaticamento fisico e mentale, difficoltà di concentrazione, perdita di interesse nelle attività consuete, allora è il rimedio giusto.



L'iperico che Cambia l'Umore
Dalla tradizione millenaria ai moderni impieghi clinici in medicina e psichiatria
€ 21

7 – Noni: I frutti di questo piccolo albero originario del sud-est asiatico sono molto potenti perché la sua peculiare composizione lo rende uno dei frutti più nutritivi e benefici del mondo. Queste proprietà si esplicano grazie alla produzione di serotonina e melatonina in modo da riequilibrare il sonno, l’umore e la sensazione di benessere; all’interazione della xeronina (principio attivo del noni) con le proteine, che permette di avere a disposizione energia per compiere qualsiasi attività fisica; e grazie alla stimolazione della produzione di macrofagi e di linfociti, migliorando l’efficienza del sistema immunitario.

8  – Ashwagandha: Noto anche come ginseng indiano è una delle più importanti erbe nella medicina ayurvedica ed è stato tradizionalmente usato per mitigare disturbi neuro-psicologici, insonnia, stanchezza e capogiri, e per migliorare concentrazione e la memoria, e ha un effetto positivo su l’umore, la vitalità sessuale e aiuta il cervello .

9 – Rhodiola: E’ una pianta tradizionalmente usata in Siberia dalla medicina popolare per curare il corpo e la mente. E’ utile per la stanchezza fisica e mentale e per affrontare meglio le situazioni stressanti giornaliere. Questa pianta combatte lo stress cronico che può generare squilibrio ormonale, alterazione dell’umore, ansia, depressione, abbassare le difese immunitarie, diminuire il desiderio sessuale. Migliora anche al qualità del sonno e stimola la produzione di serotonina, l’ormone appunto legato al benessere.



10  Attiva il Timo: Il timo è una ghiandola endocrina situata al centro del petto, qualche centimetro sopra lo sterno, ed è la sede della vitalità e della gioia dal punto di vista ormonale. Nella medicina indiana è la sede del quarto chakra legato infatti all’espansione e all’amore, alla gioia e all’empatia. Un modo per attivarlo è di picchiettare con la punta dell’indice e medio della mano destra nel punto del timo per qualche minuto



Manuale dei Chakra Manuale dei Chakra
Teoria e pratica - Guida completa per armonizzare i centri energetici attraverso la musica, i colori, i cristalli, gli aromi, tecniche di respirazione, riflessoterapia, meditazione
Shalila Sharamon, Bodo J. Baginski

Compralo su il Giardino dei Libri

lunedì 21 agosto 2017

Meditazione dell'Eclissi Solare? No, grazie!

Molti hanno aderito con entusiasmo, anche in italia, alcuni ci stanno saggiamente ripensando, altri hanno immediatamente sentito puzza di bruciato...
Approfondiamo l'argomento, ne vale la pena





La Grande Meditazione del 21 Agosto in occasione dell'eclissi totale di sole è stata organizzata da Corey Goode detto il Cobra (già il nome dice tutto). Ma chi è il sig. Goode?
Incaricato come empatico intuitivo (EI) con capacità pre-cognitive, Corey Goode è stato reclutato attraverso uno dei programmi Milab (black op's) alla giovane età di sei anni.  Goode ora lavora nel settore della tecnologia dell'informazione e della comunicazione, con 20 anni di esperienza nel hardware e software di virtualizzazione, nella sicurezza fisica ed informatica, nel contro sorveglianza elettronica, nella valutazione dei rischi e nella protezione esecutiva nella Texas State Army Guard (2007-2012) (Guardia dell’Esercito dello Stato del Texas), C4I (Comando, Controllo, Comunicazioni, Calcolo e Intelligence).


Intendiamoci, ogni occasione per raccogliersi e fare una bella e sana meditazione è sempre gradita e va colta; ogni pretesto è buono. 


Tuttavia ritengo che particolari eventi (ad es. astronomici, o particolari date) che nella moda new-age vengono spesso ricondotti ad "aperture di portali" o chissà a cos'altro, diventano fenomeni di massa, facilmente prevedibili e strumentalizzabili.

Ecco allora che la tanto attesa meditazione collettiva, magari organizzata in tutto il mondo tramite social, diventa un lauto pasto per l'ego e le sue rappresentanze di potere: il grande "eggregore" si fa una bella cena a nostre spese, pure contando sulla nostra complice esaltazione new age o comunque sulle nostre buone intenzioni .Qualsiasi evento che venga organizzato a livello mondiale e che abbia una divulgazione non spontanea ma a mò di "catena" ha già un difetto in partenza, dato che viene promosso come un meccanismo, e non come un esigenza naturale e spontanea;

Se volete meditate individualmente, singolarmente, senza troppe ostentazioni, senza sbandierare a tutti i fatti vostri: raccoglietevi tranquillamente, come tutti i giorni si dovrebbe fare senza aspettare questi eventi tutto sommato insignificanti e che assumono valore solo attraverso l'attesa collettiva che veicola energia fuori di noi. Meditate se mai da soli, fuori sincrono, fuori dalla moda scontata e retorica. Ogni meditazione è un atto unico, personale, individuale, che l'energia positiva emessa deve essere sempre ed esclusivamente a vantaggio della vostra persona. Altrimenti la meditazione, da atto trasgressivo quale è, diventa pecorume collettivo, omologante, conformista e borghese: una bella valvola pacificante, l'ennesimo subdolo sedativo.

Le eclissi solari sono eventi astronomici spettacolari di una portata immensa, sia a livello meteorologico che energetico, non è un caso che sin dall'antichità, specie quelle solari, fossero viste e vissute come eventi nefasti e di sventura, dato che l'oscuramento del Sole da parte della Luna, veniva inteso come una vittoria delle tenebre sulla luce, e specie in alcuni popoli venivano addirittura svolti sacrifici ed olocausti, anche umani, per acquietare la fame del buio e santificare la rinascita successiva della luce;

L'Eclissi Solare del 21 agosto sarà visibile interamente solo sul territorio americano e in nessuna altra parte del mondo, quindi in Italia non ci accorgeremo di nulla a livello visivo (casomai potremmo avvertirne gli effetti nei giorni successivi), pertanto meditare per un qualcosa che vedremo in diretta streaming o registrato in un'altra parte del mondo ha poco senso;

Chiunque ha assistito ad una eclissi ha provato una sensazione di sospensione, di abbandono, di solitudine, di “morte” . Guardando bene piante e animali, ha potuto notare anche una diminuzione della luminosità interiore, quella delle stesse aure degli esseri della Natura.


E durante una eclissi gli elementi animici lunari inconsci, quelli delle ansie, delle paure, delle rabbie, trovano maggiore spazio..


Per fortuna tutto questo passa rapidamente.. Pensate se durasse più a lungo o se qualcuno - con una meditazione mirata – ci trattenesse psichicamente in questa posizione, consigliandoci persino di aprirci totalmente a quello che viene dalla direzione lunare dell’eclissi.

Gli antichi cristiani, gli gnostici, i templari, i mistici facevano esercizi e azioni amorose che si chiamavano “solarizzare la luna”…  E adesso qualcuno vuole che facciamo proprio il contrario: che “lunarizziamo” il nostro Sole interiore.

Una operazione chiaramente “nera”, i cui risultati, per chi la facesse, si presenterebbero in questo modo:


  • indebolimento dell’anima: aumentare in sé l’illusione che nella vita non è necessario impegnarsi nelle difficoltà, e che le difficoltà non servono a fare crescere le nostre migliori forze; e quindi diminuire in noi quella voglia di impegnarsi e quella comprensione del senso degli ostacoli da superare con amore e intelligenza, che sono alla base del senso della vita e della nostra crescita;
  • indebolimento dell’elemento eterico-vitale del nostro corpo: attraverso un voluto “richiamo” dell’elemento lunare mortifero, al posto di quello “solare” che è la fonte della vita
  • un effetto diretto sul 4° chakra - fiore del Cuore ( il nostro elemento maggiormente solare). Nel quale tenderebbero a chiudersi due petali - componenti specifiche: quella della tolleranza e quella dell’equilibrio interiore. ( Altro che "pace e armonia "...)


Per concludere, è chiaro che molte persone che stanno aderendo a questa iniziativa, lo fanno perché vogliono il Bene e non vedono l’ora che questo si realizzi. Ma la spiritualità è cosa complessa, che richiede approfondimenti, prudenza, saggezza. Non entusiasmi adolescenziali, sia pure mossi da un cuore aperto e amoroso.

Il cuore aperto e amoroso usiamolo piuttosto per “fare il Sole” intorno a noi, emettendo noi raggi che illuminano di verità e di calde azioni amorose le tante lune che ogni giorno ci vengono incontro.

E durante questa eclissi, invece di metterci “a bagno” nella oscura luce lunare, facciamo tutti insieme un’altra cosa: quel giorno una azione solare, amorosa in più, a partire dal nostro Sole Interiore.

Se viene meno Sole da fuori, non sarà perché si aspetta che noi, suoi figli, ne emettiamo di più?

E la gente degli Stati Uniti, particolarmente impregnata di cultura “lunare”, ne ha veramente bisogno… facciamolo per loro.




Liberamente tratto da interventi di Federico Bellini, Carlo Dorofatti, Mario Riccardo Villanova e Fausto Carotenuto



Il Potere del Mercurio o Corpo Spirituale
Trattato sul Mercurio, il suo uso e la maniera di rendersi immortali
€ 26